Autocertificazione – A Cosa Serve e Come Scriverla

Oggi parliamo di uno strumento molto importante per i rapporti con la pubblica amministrazione.

Si tratta dell’autocertificazione, una dichiarazione che l’interessato può redigere e sottoscrivere su stati, fatti e qualità personali in sostituzione ai certificati rilasciati dalla pubblica amministrazione.
Risulta essere importanche capire che l’autocertificazione serve per i rapporti con la pubblica amministrazione.

L’autocertificazione può essere utilizzata in vari casi.
Tra le dichiarazioni che posono sostituire le certificazioni troviamo quelle relative alla residenza, cittadinanza, titoli di studio e qualifiche personali.
La pubblica amministrazione ha l’obbligo di accettare l’autocertificazione nei casi previsi dalla legge e può eventualmente verificare in un momento successivo che le dichiarazioni siano vere.

Risulta essere quindi importante non dichiarare il falso in un’autocertificazione.
Si tratta infatti di un reato che può avere conseguenze legali.

Per quanto riguarda la forma, non è previsto un modello preciso.
Devono però essere presenti alcuni dati come i dati personali chi chi effettua l’autocertificazione, la firma, la copia di un documento di identità e una descrizione precisa della dichiarazione sostitutiva.
In rete troviamo diversi fac simile che possono essere usati per semplificare la scrittura.
Un esempio è il modello autocertificazione presente su questo sito che può essere scaricato e modificato.

L’autocertificazione permette di velocizzare le procedure in vari casi.
Potere presentare una dichiarazione sostitutiva al posto di un certificato rilasciato dalla pubblica amministrazione consente infatti un risparmio di tempo imporante.

Il consiglio è quindi di usare sempre questo strumento quando possibile.