Marketing Online di Bassa Intensità

Che cos’è il marketing online di bassa intensità.

Questo concetto si è sviluppato in rete partendo dall’analisi del “guerrilla marketing” promosso da Jay Conrad nel secolo scorso. Conrad ha individuato e studiato una serie di tecniche non convenzionali per creare attività pubblicitarie con poche risorse economiche.
In sintesi sono promozioni dirette a piccole fasce di mercato molto ben segmentate, “nicchie” generalmente abbandonate dalle grosse campagne di marketing.
Una delle caratteristiche del guerrilla marketing e l’utilizzo di semplici e creativi metodi per arrivare agli utenti con mezzi a basso costo che spesso sono completamente gratuiti.

Uno degli esempi più creativi di questo tipo di marketing lo troviamo nell’iniziativa di una società americana, la Wizmark con sede a New York,che ha ideato una campagna chiamata “interactive urinal communicator”; doveva essere un nuovo mezzo di pubblicità diretto a segmenti di mercato abbastanza specifico. Riguarda un dispositivo collocato negli orinatoi maschili dove di solito troviamo quelle palline profumate nei WC pubblici. Questo aggeggio, completamente impermeabilizzato, viene attivato da una fotocellula quando un individuo rimane per qualche secondo davanti all’orinatoio, emettendo in quel momento un messaggio promozionale preregistrato e mostrando immagini luminose che richiamano l’attenzione delle persone presenti in quel momento nel WC. Ovviamente non è adatto a qualsiasi tipo di prodotto. Questa nuova invenzione veniva messa a disposizione di locali pubblici come pub, discoteche, bar, ecc. , per promuovere bibite alcoliche ad un pubblico maschile che, quasi certamente, nell’arco della serata avrebbe dovuto fare una sosta da quelle parti.
Questa singolare iniziativa, rispetta le regole del marketing di guerriglia:

è creativa, ingegnosa e genera un buon impatto;
diretto ad un pubblico molto ben segmentato;
no saremo in grado di raggiungere molte persona, ma è molto efficace se indirizzata a gruppi specifici;
costa poco nei confronti del marketing di massa o la promozione a largo raggio.
Ora il marketing di bassa intensità utilizzando gli strumenti che ci offre la rete, che spesso sono completamente gratis o hanno un costo molto basso, trae spunto dal concetto di guerriglia marketing. Oltre a contare con tecniche e sistemi, di cui avremo modo di parlare in questo sito, comprende anche un lato strategico che rappresenta i concetto più importante.
Quali sono i problemi con cui s’incontrano i piccoli e medi imprenditori quando devono portare con successo, il loro business in internet? Certamente la mancanza di denaro o avere a disposizione un budget molto basso.

Se arrivare al cliente in un’attività tradizionale è di per se difficile, in Internet la difficoltà è mille volte superiore, se non di più… La concorrenza si moltiplica esponenzialmente, lo stesso cliente ha a sua disposizione un’offerta molto più grande e diversificata. Senza fatica, a portata di mano e in modo più veloce che se non esistesse internet. Per tanto competere in Internet con mancanza di capitali è molto più complesso.
Inoltre, in Internet manca la presenza di un marchio riconosciuto, che forse ha la nostra concorrenza. Non possiamo sfruttare neanche il vantaggio che possiedono le piccole imprese e negozi tradizionali, come la vicinanza al cliente, interazione personale, ecc.
In rete la stragrande maggioranza dei clienti sarà sconosciuta, come lo saremo noi per loro. A differenza delle grandi società note a tutti. Per questi motivi che ci limitano dovremo pensare che non sia possibile competere in internet per un nuovo imprenditore?

Al contrario, avendo nelle nostre mani una strategia di marketing di bassa intensità, abbiamo strumenti che la maggior parte degli impresari e imprenditori di qualche anno fa non si sono mai sognati. Strumenti che non richiedono di nessun investimento e che, anche se non sono in grado di creare una grande influenza sui grossi mercati, ci daranno la possibilità di arrivare a fasce di mercato molto segmentate; sulle quali possiamo generare quell’impatto di cui abbiamo bisogno.
La chiave la troviamo nelle stesse teorie che aveva Conrad già nel 1984, puntare sulle nicchie di mercato.

Il miglior modo che abbiamo per accedere alle nicchie di mercato è internet. Ma per le grosse società questo rappresenta una grossa difficoltà, perché sono poco flessibili e hanno una gestione molto complessa per poter fare attenzione ai bisogni di singoli gruppi.
Internet è una vera occasione di business per commercianti e piccoli imprenditori, ma anche per te se ti decidi a sfruttare le potenzialità della rete.
In sintesi, la chiave sta nel trovare una nicchia di mercato con domanda in internet, studiarla, analizzarla, prepararsi e in fine conquistarla.

Ti auguro il meglio e ci vediamo presto sulla strada per il successo.